BONUS FISCALE del 30% sulle tue spese SumUp. Scopri di più.

SumUpBlog

Costo POS: perché SumUp conviene?

Obbligo POS, Legge di Bilancio e bonus fiscali. In Italia, questo è l’anno del boom dei pagamenti digitali, con incentivi che spingono sempre di più esercenti e consumatori a preferire i pagamenti con carta a quelli in contante.

I vantaggi sono tanti, dal semplice servizio in più per il cliente, all'aumento vero e proprio delle vendite. Ma cosa frena allora la scelta di affacciarsi al mondo dei pagamenti digitali? Un fattore importante è sicuramente lui, il costo. O meglio, i "costi" del POS.

Il nostro obiettivo, a SumUp, è quello di creare prodotti semplici, sempre con l’idea che una soluzione di pagamento debba in primis semplificare le cose a chi gestisce un’attività, qualunque essa sia.

E la semplicità riguarda chiaramente anche i costi. Scegliere SumUp significa dimenticare i costi complicati e nascosti del POS e tenere a mente un costo chiaro e onesto sin da subito: un'unica commissione 1,95% per le transazioni che fai. Che significa? Che quando non hai bisogno del POS, non hai nessun tipo di spesa da pagare.

Per spiegarti meglio quanto e perché risparmi, ecco una lista dei costi che dovresti tenere in considerazione per un POS tradizionale e che SumUp, invece, ti va a eliminare. 

Quanto costa veramente un POS?

  1. Acquisto. Il prezzo varia se il dispositivo è fisso o mobile, con una media nazionale di 84€. Con SumUp il costo dei lettori è una tantum a partire da 29€ sull'Air e con spedizione gratuita.

  2. Canone. Alcuni POS tradizionali prevedono un costo o per il comodato d’uso (noleggio) o un canone a scadenza mensile e/o annuale per il servizio (dai 10 ai 50€). Con SumUp non ci sono costi ricorrenti per il servizio.

  3. Installazione. Si tratta del costo per l’installazione del dispositivo nel punto vendita da parte di un tecnico. Da preventivare anche i tempi di attesa (fino a 20 giorni) per la prestazione. I dispositivi SumUp non hanno bisogno di installazione tecnica. Si attivano in pochi clic già dopo l'acquisto.

  4. Costo di attivazione. I POS tradizionali possono considerare un costo una tantum per l’attivazione del servizio POS per l’esercente (fino a un massimo di 100€). SumUp non ha questo costo.

  5. Costo di terminazione. Cambiare idea prima della fine del contratto, per l’utente, può prevedere un costo di terminazione per il servizio che può arrivare anche a 200€. SumUp non lo prevede.

  6. Costo maggiorazione carte estere o costo minimo su transato. A seconda del circuito della carta, come per le carte internazionali, il costo di commissione potrebbe essere più alto, cosa che l'esercente non può riconoscere sempre. Inoltre, si potrebbe applicare una commissione fissa sul transato minimo o, se si supera un certo incasso, si potrebbero applicare delle tariffe, anche se di pochi centesimi, alla commissione standard. SumUp ha invece un'unica commissione dell’1,95% sempre uguale su tutte le carte e circuiti, nazionali e internazionali.

  7. Costo apertura conto. Molti fornitori di POS tradizionali prevedono l’apertura di un conto dedicato per il servizio, che può quindi prevedere costi di apertura e gestione. SumUp, non essendo una banca, non richiede l'apertura di un conto dedicato e si possono ricevere gli accrediti in un conto già esistente.

  8. Assistenza tecnica. I POS a noleggio possono applicare dei costi per eventuali problemi tecnici del dispositivo. A volte, si può prevedere anche un costo di assicurazione a carico dell'utente. Con SumUp hai assistenza gratuita e/o sostituzione gratuita del dispositivo se in garanzia.

  9. Costo di prelievo e bonifico. I costi legati alla gestione di un particolare conto prevedono costi di bonifico e prelievo per spostare gli incassi dal conto aziendale a quello personale. Con SumUp, puoi scegliere di usare la SumUp Card per gli accrediti e spostare il tuo denaro gratuitamente. 

  10. Assicurazione, furto o smarrimento. In caso di scenari di questo tipo, un fornitore tradizionale potrebbe applicare dei costi ulteriori (fino anche a 200€) per l'adozione del POS. Con l'acquisto una tantum, invece, SumUp elimina questi costi.

Scegli una soluzione di pagamento flessibile come le tue vendite. Grazie ad un unico costo di commissione 1,95% per transazione, con SumUp ti liberi di costi fissi ricorrenti e vincoli contrattuali. Inoltre, con il Credito d'Imposta oggi le commissioni di SumUp ti costano il 30% in meno.

Cosa aspetti? Inizia ad accettare pagamenti con carta quando e come vuoi tu.

Inizia ora

twitterfacebooklinkedin

Lucia Cherchi